Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Cattedrale di Barletta, maestosità gotico-romanica

Cattedrale di Barletta, maestosità gotico-romanica

“A pochi passi dal fossato del castello una delle più belle chiese della città della Disfida.”
Cattedrale di Barletta, maestosità gotico-romanica

Tra le vie del centro storico di Barletta, a pochi passi dal fossato del suo castello, si erge in tutta la sua maestosità romanica la cattedrale dedicata a Santa Maria Maggiore.

Scopri di più su: Castello di Barletta, il maniero circondato dal fossato

Il duomo di Barletta, da non confondere con la basilica del Santo Sepolcro, è ora il risultato di un’evoluzione e sovrapposizione di diversi luoghi di culto, che sono appartenenti a numerose epoche tra loro differenti, i cui periodi più antichi appartengono al IV secolo, così come mostrato dalle numerose tombe a grotticella di epoca pre-cristiana rinvenute.

Scopri di più su: Basilica del Santo Sepolcro di Barletta, la chiesa alle spalle del Colosso

Cattedrale di Barletta, descrizione

L’attuale costruzione, invece, è stata realizzata su una precedente chiesa paleocristiana del XII secolo e poi ampliata nel Trecento. Il campanile della cattedrale di Barletta, ornata da bifore, è visibile da parecchi metri di distanza e domina dall’alto sull’elegante cattedrale.

La facciata, in cui si intrecciano armoniosamente gli stili romanici e gotici, si mostra a tre navate (come il suo interno, d’altronde) ed è sovrastato da un imponente portale rinascimentale a cui bisogna aggiungere il rosone gotico e il finestrone con decorazioni vegetali.

Le modifiche che hanno interessato la cattedrale di Barletta hanno poi reso questo duomo di pianta trapezoidale, con delle navate più alte e il coro costituto dall’abside poligonale.

Di particolare interesse sono anche le sculture all’ingresso della sagrestia, uno dei primi esempi della rappresentazione figurata nella Puglia del XII secolo, oltre che la decorazione del Ciborio che si erge a sua volta su quattro colonnine con capitelli finemente lavorati. Questo, inoltre, si compone di una base quadrata su cui si erge il tamburo a base ottagonale che a sua volta si sviluppa su quattro piani saggiamente sovrapposti.

Le sorprese non sono finite qui: di assoluto valore è la cripta sottostante, nella quale è possibile apprezzare i resti della precedente costruzione paleocristiana, arredi religiosi e dipinti di vario genere.

La bellezza della cattedrale di Barletta, dopotutto, è proprio questa: oltre al suo culto, fortemente sentito da tutti i cittadini, all’interno (e anche all’esterno) del duomo è possibile scorgere elementi architettonici di assoluto valore.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento