News BAT

Home » Puglia Notizie » News BAT » Dall’Isola di Catalina a Los Angeles a nuoto: l’impresa di un biscegliese

Dall’Isola di Catalina a Los Angeles a nuoto: l’impresa di un biscegliese

“Il ragazzo ha nuotato nell'Oceano Pacifico per 13 ore e 10 minuti.”
Dall’Isola di Catalina a Los Angeles a nuoto: l’impresa di un biscegliese

13 ore e 10 minuti di notte nell’Oceano Pacifico. Il protagonista di questo tempo trascorso in mare aperto è un pugliese, un biscegliese per l’esattezza, di soli 26 anni. Daniel Douglas Di Pierro, questo il nome del ragazzo, non è stato vittima di un incidente bensì di una scelta consapevole, desiderata da tempo: quella di arrivare dall’isola di Catalina a Los Angeles, entrambe località della California, a nuoto.

La traversata di Di Pierro

Questa sensazionale impresa è stata compiuta la notte tra il 29 e il 30 agosto, ha visto la partenza di Di Pierro, fornito solamente del costume in slip come lui stesso ha specificato, dall‘isola Californiana in un orario insolito: le 22 di sera, e l’arrivo a Los Angeles la mattina successiva, alle 11, per un totale di 13 ore e 10 minuti in un’acqua la cui temperatura non ha mai superato i 20°C.

Tutte le imprese del biscegliese

La solitaria del ragazzo non è stata la sua prima impresa: Daniel Douglas Di Pierro aveva già sfidato i propri limiti negli scorsi anni, quando ha nuotato per 32 km tra la Corsica e la Sardegna in una doppia traversata che oltre all’andata ha visto anche il suo ritorno, per 22 km da Vulcano a Capo Calavá in Sicilia e ancora, nello Stretto di Gibilterra. Ciò che ha reso il suo ultimo viaggio indimenticabile è stato sicuramente il raggiungimento del suo record personale, superato abbondantemente rispetto alle 10 ore spese per arrivare, rigorosamente a nuoto, da Bisceglie a Bari Palese.

L’ultima traversata, quindi, si è conclusa con un successo su diversi fronti. Come raccontato dal ragazzo sulle pagine social, infatti, le sue precedenti imprese avevano una temperatura dell’acqua decisamente superiore rispetto a quella dell’oceano. Come spiegato dal biscegliese stesso, però, il suo corpo ha reagito bene e non ha mostrato segni di infreddolimento.

Condizioni fisiche

Oltre ad aver sopportato senza fatica le temperature dell’acqua, ad aver retto bene durante tutte e 13 le ore della traversata sono state le braccia. Dopo 9 ore in Oceano aperto, invece, hanno iniziato a dare problemi le sue gambe, che hanno iniziato a dare i primi cenni di cadimento.

Stato dell’Oceano

Oltre al canoista, Daniel Douglas Di Pierro è stato in compagnia dell’Oceano, caratterizzato dalla sua tipica onda lunga, di bassa altezza e poco incisiva per la nuotata. La difficoltà è invece arrivata da parte delle correnti, che per un paio d’ore sono state particolarmente forti e che non gli hanno consentito di muoversi in maniera più rapida.

Non appena tornato sulla terraferma, Daniel Douglas Di Pierro, studente di Scienze delle attività motorie e sportive dell’Università di Bari, oltre ad aver espresso tutta la sua soddisfazione per il traguardo raggiunto, sta già iniziando a pensare alla sua prossima avventura: quale sarà?

video

Video


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia