Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Castello di Peschici, maniero a strapiombo sul mare

Castello di Peschici, maniero a strapiombo sul mare

“Costruito nel X secolo, il maniero ospita al suo interno il Museo delle Torture.”
Castello di Peschici, maniero a strapiombo sul mare

Non solo mare cristallino: tra le vie del centro storico di Peschici è possibile imbattersi in antiche strutture di incredibile fascino.

È proprio questo il caso del suo castello, una costruzione a strapiombo sull’Adriatico che, grazie alla sua posizione privilegiata, domina l’intera costa garganica da levante a ponente e permette di scorgere anche le vicine Isole Tremiti.

Scopri di più su: Peschici, un piccolo tesoro sul mare nel Promontorio del Gargano

Castello di Peschici, qual è la sua storia

Edificato dai Normanni tra il X e l’XI secolo, il castello di Peschici è stato utilizzato fin dalla sua costruzione con lo scopo di difendere le sue coste dai continui attacchi provenienti sia dai Saraceni che dai pirati. Inizialmente adibito a dimora per i monaci delle abbazie delle Isole Tremiti, durante il regno di Federico II, questo maniero fu modificato e reso conforme agli altri castelli voluti dallo Stupor Mundi.

Durante questo periodo, infatti, fu abbellito con la costruzione della torre ora chiamata Rocca Imperiale. L’assetto voluto dall’imperatore svevo resistette fino al 1504, quando, sotto la dominazione spagnola, Peschici entrò a far parte del dispositivo difensivo costiero contro le incursioni dei Turchi. Per assolvere al meglio a questo suo nuovo compito, l’intera struttura fu dotata di una cinta muraria, nota come Recinto Baronale, che ha donato al maniero un incredibile aspetto minaccioso, tutt’ora visibile per chiunque lo osservi dal mare.

Ulteriori arrangiamenti furono poi realizzati nel 1735 per volere del Principe di Ischitella Francesco Emanuele Pinto, che modificò i piani superiori e gli ambienti di rappresentanza.

Museo delle Torture ed eventi

Dopo essere stato sottoposto a restauro, il castello di Peschici è oggi aperto al pubblico ed è periodicamente sede di mostre ed eventi. Al suo interno, inoltre, è anche presente il Museo delle Torture, un’esposizione di attrezzi utilizzati dai regimi totalitari per punire eventuali infrazioni o reati.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento