Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Stella Caracciolo, il castello cinquecentesco di Palagianello

Stella Caracciolo, il castello cinquecentesco di Palagianello

“Il maniero, nel punto più alto della città, permette di godere della vista dei monti Sila.”
Stella Caracciolo, il castello cinquecentesco di Palagianello

Nel piccolo comune della provincia di Taranto, Palagianello, sorge, nel suo punto più alto, il suo castello.

Nato in una posizione strategia in grado di permettere il controllo del territorio circostante, questa fortezza consente di godere, oltre che di un panorama mozzafiato, addirittura delle montagne calabresi della Sila.

A differenza della maggior parte dei castelli pugliesi, quello di Palagianello è stato molto probabilmente costruito durante la prima metà del XVI secolo, in seguito alla commissione della famiglia Domini Roberti, i quali avevano richiesto l’edificazione di un maniero che permettesse la difesa del loro casale. Ultimato solamente nel XVIII secolo sotto il dominio dei Caracciolo, la fortezza porta tutt’ora il loro nome.

Scopri di più su: Castelli di Puglia, ecco i più belli da visitare in tutta la regione

Struttura del castello

Sebbene sia stato completato nel Settecento, la struttura del castello richiama in tutto i caratteri tipici delle costruzioni cinquecentesce ed è infatti di pianta quadrangolare con un grande cortile centrale e munito di quattro torrioni agli angoli esterni.

L’accesso agli spazi interni della fortezza era possibile attraverso un ponte levatoio situato sopra un fossato e che costeggiava l’intero lato ovest e parte del lato nord. Con il trascorrere degli anni, tuttavia, l’ingresso è stato spostato al lato sud e il ponte levatoio è stato sostituito da uno in muratura a due archi.

L’intera struttura, che si sviluppa su due piani, vede nel suo piano inferiore i magazzini e le stalle e in quello superiore i locali adibiti ad abitazione del feudatario. Di particolare suggestione è la presenza, in una delle stanze del piano terra, di una botola il cui passaggio segreto sfocia nella gravina di Palagianello.

Come anticipato, dunque, il fortilizio presenta tutte le caratteristiche tipiche che si sono affermate durante i canoni difensivi di Carlo V: il castello di Palagianello rappresenta un termine di transizione tra il maniero e la residenza fortificata ed è stato costruito in mazzaro, ovvero un tufo biancastro calcareo-arenaceo.

Monumento nazionale a partire dal 1924 e ora appartenente al Comune, la fortezza di Palagianello è stata restaurata da qualche anno ed è ora aperta anche a matrimoni e cerimonie di vario genere.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento