Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Castello di Monte Sant’Angelo, la leggenda del fantasma di Bianca Lancia

Castello di Monte Sant’Angelo, la leggenda del fantasma di Bianca Lancia

“Una tradizione del posto ritiene che il fantasma della donna si aggiri tra le stanze del castello.”
Castello di Monte Sant’Angelo, la leggenda del fantasma di Bianca Lancia

Tra le affascinanti stanze del castello di Monte Sant’Angelo sono racchiuse delle suggestive storie, che si sono tramandate fino ai nostri giorni.

Come noto, questa fortezza rientra tra i castelli molto cari all’imperatore Federico II, che decise di trasformare questa struttura nella dimora della sua amante, la contessa Bianca Lancia.

La donna, come già anticipato, iniziò ad essere la concubina dello Stupor Mundi, all’epoca sposato con Jolanda di Brienne. Da questa relazione segreta, poi resa pubblica con il matrimonio in articulu mortis, come la storia insegna, nacquero tre dei 19 figli (Costanza, Manfredi e Violante) di Federico II.

Bianca Lancia a Monte Sant’Angelo

L’affascinante leggenda parte proprio dalla figura di questa donna, che, stando a quanto raccontato, pare che a causa della forte gelosia dell’imperatore abbia trascorso moltissimo tempo reclusa all’interno del castello. Proprio per porre fine alle sue sofferenze, quindi, la nobildonna decise di suicidarsi gettandosi da un torrione.

Il fantasma della donna e i suoi pianti

Da quel momento in poi pare che il suo fantasma si aggiri malinconico tra le stanze del castello e che a volte, durante i mesi più freddi dell’anno, si possa sentire tra il vento la disperazione della sventurata: in tantissimi hanno infatti ascoltato i suoi lamenti e il suo pianto.

Individuare il punto esatto in cui la donna abbia deciso di smettere di patire per la lontananza sia fisica che mentale dall’imperatore pare che sia molto semplice: la leggenda vuole in quel posto a partire da quel momento in poi sia cresciuta una pianta selvatica dell’identico colore della veste che la donna indossava quella sera.

Visita nel castello alla ricerca della dama

Sebbene questa sia probabilmente una storia raccontata per far divertire i bambini (in molti, infatti, sostengono che il castello nel quale si è consumata la tragedia sia quello di Gioia del Colle), il fascino della fortezza non viene di certo intaccato. Che si decida di visitare il castello di Monte Sant’Angelo per cercare il fantasma o per ammirare le bellezze architettoniche l’esperienza sarà comunque suggestiva e degna di nota.


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia