News Foggia

Home » Notizie Puglia » News Foggia » Banca del Latte, record di donazioni durante la pandemia

Banca del Latte, record di donazioni durante la pandemia

“Rispetto allo scorso anno c'è stato un aumento delle donazioni di latte umano.”
Banca del Latte, record di donazioni durante la pandemia

Nell’anno del 10° anniversario della Banca del Latte Umano Donato “Allattiamolavita” dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, è stato registrato un importante risultato: l’aumento delle donazioni di latte umano rispetto all’anno precedente, nonostante la pandemia di Covid-19.

In particolare, nel periodo febbraio-maggio, quello delle misure restrittive più forti, 15 donne hanno donato 91,25 litri. Rispetto alla media dei dati sulle donazioni alla Banca del Latte Umano Donato (BLUD) degli anni precedenti, il saldo è addirittura a favore dell’anno in corso. Infatti, nel 2019, nello stesso periodo, sono state reclutate 12 madri e sono stati raccolti 58,7 litri e, nel 2018, le donne donatrici sono state 10 ma avevano donato ben 119,5 litri. L’aumento di donatrici evidenzia una importante sensibilizzazione delle neomamme.

Questi dati, pubblicati sul Journal of Pediatric and Neonatal Individualized Medicine, hanno evidenziato come nell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale (UTIN) di San Giovanni Rotondo le misure restrittive della scorsa primavera non hanno rappresentato un motivo per limitare l’allattamento al seno né la donazione del latte materno.

Banca del Latte “Allattiamolavita”

In 10 anni di attività, inoltre, la Banca del Latte “Allattiamolavita” ha già raggiunto un primo risultato importante: la totale abolizione dell’uso del latte formulato per tutti i neonati prematuri di peso inferiore a 1.800 grammi. “Nella Terapia Intensiva Neonatale di San Giovanni Rotondo, nelle prime ore di vita del neonato si avvia la minimal enteral feeding (alimentazione trofica non nutritiva) con il latte proveniente dalla Banca, che viene poi sostituito dal latte materno appena questo si rende disponibile oppure, laddove non lo fosse, si prosegue con il latte donato”, sottolinea la dottoressa Quitadamo. “Questo perché è ampiamente dimostrato che il latte materno è una vera e propria miniera di nutrienti preziosi che concorre in maniera significativa al miglioramento della salute e della sopravvivenza infantile. Inoltre, nel nostro Istituto, grazie anche al latte della Banca, abbiamo azzerato dal 2012 i casi di enterocolite necrotizzante”.

La Banca del Latte Umano di Casa Sollievo, fortemente voluta dall’ex primario di Neonatologia Alberto Gatta, è stata inaugurata nel 2010. In 10 anni ha raccolto oltre 3.000 litri di latte, arruolando 760 donatrici e alimentato circa 600 neonati prematuri. La Banca fa parte dell’Associazione Italiana delle Banche del Latte Umano Donato (AIBLUD), guidata dal professor Guido Moro, che ha indicato due obiettivi che vengono perseguiti anche a Casa Sollievo: sostenere e promuovere l’allattamento e la donazione del latte umano; incentivare l’attività di ricerca scientifica sul latte materno, con il fine ultimo di migliorare la salute dei neonati prematuri.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento