Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Arco Scoppa, chicca da vedere nel centro storico di Ostuni

Arco Scoppa, chicca da vedere nel centro storico di Ostuni

“Inizialmente in legno, l'arco è stato trasformato in pietra nel 1750.”
Arco Scoppa, chicca da vedere nel centro storico di Ostuni

Passeggiando tra le vie del centro storico di Ostuni è impossibile non imbattersi in un’affascinante realizzazione che, sebbene sia di una tonalità differente dalla Città Bianca, resta ben inserita all’interno del contesto: l’arco Scoppa.

Scopri di più su: Ostuni, la città bianca dal candore accecante: ecco il perché

Oggi utilizzato come cornice di un perfetto selfie, questa struttura è presente in una della più affascinanti piazze della città, largo Trinchera, e collega il Palazzo Vescovile a quello del Seminario e si trova proprio difronte alla cattedrale di Ostuni. Inizialmente realizzato in legno, a causa della precarietà della materia prima utilizzata nel 1750 il cardinale Stoppa stabilì la sua trasformazione in pietra.

Ostuni, arco Stoppa tra le cose da vedere

Annotazioni di questo cambiamento sono tutt’ora visibili nell’iscrizione latina presente sull’arco. Queste le sue parole: “In origine era un ponte in legno; il vescovo Scoppa lo costruì in muratura affinché, a beneficio di quanti temevano di utilizzarlo, il transito fosse meno pericoloso attraverso un percorso sicuro. Nell’anno del Signore 1750 il canonico Cesi pose questa iscrizione”.

Conosciuto semplicemente come “la Loggia”, questo arco è stato costruito su ispirazione del Ponte dei Sospiri di Venezia e rientra a pieno titolo tra le cose assolutamente da vedere di Ostuni.

Apprezzato per la sua eleganza geometrica, la Loggia è costituita da un fastigio il cui effetto è quello di un immenso cartigio decorato da un putto e da volute, conchiglie e fiaccoloni che concludono e incorniciano al meglio la sommità.

Per riconoscere l’arco Stoppa di Ostuni, dunque, basterà passeggiare tra le meraviglie che la Città Bianca ha da offrire con il naso all’insù: dopotutto la particolarità di questo borgo immerso nella Valle D’Itria è proprio quella di lasciarsi piacevolmente sorprendere dalla bellezza circostante. Questa ennesima meraviglia compresa, si intende.

Foto di: @priscillaspecchia (Instagram)


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento