News Brindisi

Home » Puglia Notizie » News Brindisi » Aeroporti di Puglia, nuovi 50 mezzi aeroportuali in arrivo

Aeroporti di Puglia, nuovi 50 mezzi aeroportuali in arrivo

“Tutti i mezzi obsoleti saranno sostituiti da altri a motore elettrico o endotermico.”
Aeroporti di Puglia, nuovi 50 mezzi aeroportuali in arrivo

Aeroporti di Puglia ha annunciato di aver firmato un contratto di noleggio operativo per oltre 50 mezzi aeroportuali con la TCR, una società leader mondiale nel settore del noleggio e di manutenzione GSE (Ground Support Equipment).

In cosa consiste il contratto

La firma di questo accordo permetterà di affrontare in maniera innovativa la gestione del parco mezzi aeroportuali. I primi interessati dal contratto, firmato lo scorso 19 marzo, saranno tutte le vetture più obsolete, che con la loro sostituzione potranno aumentare la disponibilità giornaliera. L’utilizzo dei nuovi veicoli, inoltre, ridurrà notevolmente i disagi che spesso si verificano a causa di guasti degli stessi.

Ad essere tutelati dal provvedimento, oltre che i passeggeri sarà anche l’ambiente: i nuovi arrivati saranno a propulsione elettrica o con motori endotermici di ultima generazione. Un ulteriore beneficio degli stessi è dato dall’incremento della sicurezza dei mezzi e dei sensori per l’avvicinamento assistito dell’aeromobile in base alla vigente normativa IATA AHM913.

La soddisfazione di Aeroporti di Puglia

Per Aeroporti di Puglia questo accordo rientra in una policy che la vede impegnata, in qualità di azienda moderna che opera nell’ambito pubblico della gestione dei servizi e delle infrastrutture a favore di una comunità, ad orientare le proprie scelte in base alla funzione della massima attenzione dei profili socio – ambientali e che riguardano la trasparenza e la correttezza dei processi di gestione.

Tiziano Onesti, presidente di Aeroporti di Puglia ha mostrato il proprio entusiasmo sottolineando l’importanza del rinnovo di tutti i mezzi aeroportuali, che permetteranno in questo modo di adempiere correttamente alle esigenze del traffico, con una particolare cura dei passeggeri e di tutte le compagnie aeree. L’aggiunta di questa rivoluzione è data dalla svolta green per la quale si è decisi di optare, riuscendo così a coniugare il servizio alla salvaguardia dell’ambiente.

Il supporto che sarà dato agli scali pugliesi del contratto firmato qualche giorno fa, come ha sottolineato il Direttore Generale TCR Italia Francois Peeters, riguarderà tutti gli aeroporti di Puglia: se quelli di Bari e Brindisi competerà per il traffico passeggeri, Taranto Grottaglie sarà per l’industria aerospaziale e il Gino Lisa di Foggia per la base logistica della Protezione Civile.


Data:

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia