News BAT

Home » Notizie Puglia » News BAT » Accesso in spiaggia per disabili, contributo di 300mila euro

Accesso in spiaggia per disabili, contributo di 300mila euro

“La richiesta potrà essere presentata dai Comuni interessati dal 2 marzo al 3 aprile.”
Accesso in spiaggia per disabili, contributo di 300mila euro

67 comuni costieri pugliesi potranno, anche per quest’anno, avere la possibilità di attrezzare le proprie spiagge libere per l’accesso ai disabili e di sviluppare progetti per le torri costiere.

A partire da lunedì 2 marzo fino a venerdì 3 aprile, infatti, come comunicato dall’assessore al Bilancio e alla Programmazione unitaria con delega al Demanio marittimo, Raffaelle Piemontese, sarà possibile richiedere lo stanziamento di nuove risorse legate all’attuale programmazione.

La Regione Puglia, dunque, ha deciso di investire altri 300mila euro per permettere l‘allargamento dell’accessibilità dei disabili alle spiagge libere affidate alla gestione comunale. Qualsiasi Comune pugliese interessato all’importo, potrà presentare la richiesta di contribuito corredata da un progetto redatto in aderenza alle Linee guida approvate dalla Delibera di Giunta Regionale numero 2160 del 29 novembre 2018. Il contributo massimo che sarà elargito sarà pari a una cifra massima di 20mila euro per Comune singolo o in associazione con altri Comuni costieri.

Quali sono stati i Comuni dell’estate 2019

Durante l’estate del 2019 hanno approfittato di queste condizioni ben 19 Comuni, che in vista della prossima stagione balneare si vedranno finanziare dalla Regione Puglia opere per poco meno di 380mila euro. Ecco quali sono state le amministrazioni interessate:

  • Andrano
  • Bisceglie
  • Brindisi
  • Carovigno
  • Castellaneta
  • Ischitella
  • Melendugno
  • Molfetta
  • Monopoli
  • Morciano di Leuca
  • Otranto
  • Patù
  • Pulsano
  • Racale
  • Salve
  • Tricase
  • Vernole
  • Zapponeta
  • Torricella

Oltre all’accesso alle spiagge libere dei diversamente abili, sono state incrementati anche i progetti di tutela e valorizzazione delle torri costiere fino a 150mila euro, il cui finanziamento massimo è pari a 25mila euro.

L’anno scorso, ad esempio, gli interventi finanziati su questi originali elementi del paesaggio costiero pugliese sono stati 10 e hanno riguardato torri costiere a Molfetta in provincia di Bari, a Margherita di Savoia nella BAT, a Brindisi e a Ostuni in provincia di Brindisi, a San Nicandro Garganico, a Vico del Gargano e a Zapponeta in provincia di Foggia, a Nardò, a Racale e a Salve in provincia di Lecce.

Le due procedure a sportello, ossia con risorse assegnate ai progetti valutati positivamente sulla base dell’ordine cronologico di presentazione e fino a esaurimento dei fondi disponibili, hanno come termine alle ore 12 di venerdì 3 aprile prossimo. L’indirizzo email pec a cui trasmettere istanze e progetti è: demaniomarittimo.bari@pec.rupar.puglia.it


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento