puglia
Dolci e desserts pugliesi

Home » Puglia Ricette » Dolci e desserts pugliesi » Pitteddhe: tipico dolce salentino con mostarda d’uva

Pitteddhe: tipico dolce salentino con mostarda d’uva

Le pittelle o pitteddhe salentine sono un dolce di origine contadina della tradizione gastronomica salentina; l’impasto di questo tipico dolce salentino è davvero semplice: gli ingredienti utili sono pochi e genuini, solo farina, olio extravergine d’oliva e buccia di limone grattugiata, senza neanche lo zucchero.

Queste crostatine hanno la forma di piccoli cestini dai bordi rialzati e sono farcite con mostarda (marmellata) d’uva, solitamente prodotta in casa con uva da vino e conservata in barattoli durante tutto l’inverno.

Questi dolcetti si realizzano sotto forma di piccole crostate a stella oppure si chiudono a mezzaluna come dei panzerottini.

Ingredienti per le pittelle salentine

  • 1/2 kg di farina 00
  • 120 gr di olio extravergine d’oliva
  • buccia di 1 limone finemente grattugiata
  • sale (un pizzico)
  • mostarda d’uva q.b.

Preparazione delle pitteddhe salentine

Mettere insieme in un contenitore la farina, l’olio d’oliva, il sale, la buccia di limone tritata e mescolare a lungo fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico; aggiungere un po’ d’acqua solo se necessario.

Lasciare riposare l’impasto al caldo per mezz’ora coperto da un canovaccio e poi stenderlo su un piano da lavoro con il mattarello allo spessore di circa due millimetri; aiutandosi con una tazzina da caffè o con una fustella ricavare dei dischi (cerchi dal diametro di circa 9 cm) di pasta e porre al centro di essi un solo cucchiaino di marmellata d’uva senza eccedere per evitare che fuoriesca in cottura (in alternativa la marmellata si può inserire nei cestini dopo la cottura).

Lavorando con le dita sollevare la pasta e pizzicarla in più punti per formare il bordo a stella che consente di evitare la fuoriuscita della marmellata e conferisce la forma tipica al dolce.

Si possono aggiungere delle decorazioni centrali che si ricavano dai ritagli di pasta avanzata.

Le pitteddhe si cuociono in forno a 180° finché la pasta non è dorata e leggermente croccante (per circa mezz’ora).

Un tempo, una volta fredde, venivano conservate nella dispensa della cucina in scatole di latta o nelle classiche capaseddhe (contenitori in terracotta).

(Credit foto: Olio e Sale)


Pitteddhe salentine
Tempo di preparazione: 1 ora
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia