puglia
News Bari

Home » Puglia Notizie » News Bari » Passeggiata antiracket, Bubbico e Grasso fanno capolino al quartiere “Carrassi” di Bari

Passeggiata antiracket, Bubbico e Grasso fanno capolino al quartiere “Carrassi” di Bari

“E’ uno spartiacque storico, vogliamo far sentire la presenza dello Stato in strada”. Le parole di Tano Grasso, presidente della fondazione antiracket, riassumono lo spirito nel quale si è tenuta ieri pomeriggio, nel quartiere Carrassi di Bari, la passeggiata antiracket che oltre allo stesso Grasso ha visto protagonisti il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico, il sindaco di Bari Antonio Decaro e il prefetto del capoluogo Carmela Pagano, accompagnati anche dal questore Antonio De Iesu e l’assessore al commercio Carla Palone. “Combattere le estorsioni e sgominare il racket nelle nostre città si può soltanto se si è davvero tutti uniti” è il messaggio che è stato veicolato nei confronti dei commercianti del quartere, che hanno denunciato d’essere vittime del pizzo consentendo nei giorni scorsi l’arresto di cinque esponenti del clan malavitoso Diomede.

Incontrati i commercianti vittime di estorsione

“Noi vorremo tanto poterle replicare, queste passeggiate, in ogni città d’Italia – ha detto Bubbico – in modo particolare nelle città del Mezzogiorno che sono più segnate dai fenomeni estorsivi”.”Il senso di questa giornata – ha detto Grasso – è far conoscere a tutti ciò che è accaduto in questa strada e in questo quartiere di Bari: uno spartiacque storico, un fatto inedito”. “Questa è la prova – ha proseguito – che quando la denuncia è collettiva mette al riparo chi si espone”.”Bari – ha detto il sindaco – ha avuto scatto di reni”. Respingere la paura negli sguardi di chi non denuncia, spostare la notte più in là: queste le finalità della passeggiata antiracket. Di “attenzione particolare” ha invece parlato il questore De Iesu, mentre Decaro ha sottolineato la nuova forma di collaborazione in atto con la città: “L’incontro di oggi con i cittadini di Carrassi – ha dichiarato il sindaco di Bari – ha un valore diverso rispetto all’ultima volta, quando siamo venuti qui per stimolare i commercianti a denunciare il fenomeno delle estorsioni. Oggi c’è un elemento simbolico diverso e più importante, perché grazie alle denunce dei commercianti, le inchieste giudiziarie hanno avuto un nuovo impulso e sono scattati gli arresti degli uomini del clan che praticava le estorsioni. Da questo quartiere parte la riscossa della città, perché allo straordinario lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura si è aggiunto il coraggio dei cittadini, dei commercianti e delle associazioni antiracket che scelgono di denunciare”. E a breve l’iniziativa potrebbe essere replicata nel quartiere Libertà.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia