laterza
Le Gravine

Home » Cosa vedere » Le Gravine » Laterza. La seconda gravina più grande d’Europa e l’Oasi LIPU

Laterza. La seconda gravina più grande d’Europa e l’Oasi LIPU

Laterza sorge sull’orlo della seconda gravina più grande d’Europa. La ricchezza avifaunistica della sua gravina è tutelata da un’oasi LIPU e passeggiando qui è possibile vedere rapaci come nibbi, capovaccai, falchi grillai e corvi imperiali.

Il territorio di Laterza è certamente stato abitato fin dall’antichità; a testimonianza di questo, vi sono numerosi reperti, provenienti da una necropoli protostorica collocabile tra il 3000 ed il 2500 a.C.

La Chiesa Matrice di San Lorenzo, risale al primo decennio del ‘400, ed è in stile tardo-gotico. La facciata principale è caratterizzata da un portale principale al centro e due porte ai lati dello stesso; sul portale è posto un grande rosone a ruota di carro. L’interno è a pianta basilicale a tre navate con cappelle lungo le navate laterali. Da qui, prendendo via Giardino e scendendo verso il fondo della gravina, nei pressi di una fontana cinquecentesca, si raggiunge il santuario della Mater Domini, la cui cripta è una chiesa ipogea con affreschi del XII secolo.

Poco distante dal santuario, è possibile visitare anche una particolare chiesa rupestre, la Cantina Spagnola. La Cantina, probabilmente in origine aveva funzioni sacre, sono infatti ancora visibili gli affreschi a tema religioso, come ad esempio quello della natività. In epoca successiva però, fu utilizzata dai marchesi di Laterza molto probabilmente per incontri galanti, c’è anche chi suppone per riunioni massoniche. Tra gli affreschi a tema sacro infatti ve ne sono alcuni chiaramente profani come la sfilata di cavalieri e dame in maschera. La cantina si trova nel pieno del parco rupestre. Di grande rilevanza anche la cripta di S. Giorgio* con i suoi affreschi raffiguranti il Santo con la classica armatura a cavallo mentre affronta il drago, la cripta del Cristo Giudice con affrescata una Deesis con Cristo Pantocratore e la cripta di Santa Caterina* a navata unica dalla quale si accede ad una piccola grotta naturale affrescata.

La città è famosa anche per una produzione artigianale, la Maiolica di Laterza, tutelata dal marchio CAT – Ceramica Artistica Tradizionale. All’interno dell’Istituto d’Arte cittadino è allestito il Museo dei Padri e della Maiolica*, diviso in due sezioni, una prettamente archeologica ed una seconda che accoglie la produzione locale dal XVII secolo. Opere di Maiolica di Laterza inoltre sono esposte in numerosi musei, tra i quali l’Ermitage di San Pietroburgo.

Consigliata una visita al Palazzo Marchesale, sede dello Iat e del Museo della Maiolica – MuMa, inaugurato lo scorso dicembre.

* Al momento non visitabili

Cosa vedere a Laterza

Oasi LIPU
La Chiesa Madre
Santuario della Mater Domini
Cantina spagnola
Cripta di S.Giorgio
Cripta del Cristo Giudice
Cripta di S.Caterina
Palazzo Marchesale

Come arrivare a Laterza

Auto

55 km a nord-ovest di Taranto lungo la SS7

Linee urbane

Collegamenti diretti con Taranto (CTP)




Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia