grecia salentina
Le Serre e la Grecia Salentina

Home » Cosa vedere » Le Serre e la Grecia Salentina » Grecia Salentina, undici comuni di tradizioni di origine ellenica

Grecia Salentina, undici comuni di tradizioni di origine ellenica

notte-taranta

Calimera, Carpignano Salentino, Castrignano de’ Greci, Corigliano d’Otranto, Cutrofiano, Martano, Martignano, Melpignano, Soleto, Sternatia e Zollino: sono gli undici comuni che compongono la Grecìa Salentina e che, seppur tra mille difficoltà hanno conservato dialetto e tradizioni di origine ellenica dando vita alla cultura grika.

Soprattutto negli ultimi decenni sono state attuate politiche per la conservazione ed il riappropriamento della cultura e della lingua grika, che, dalla conquista normanna nel XI secolo agli ultimi decenni del secolo scorso si era quasi persa.

Il griko è una lingua che include espressioni del greco moderno e vocaboli neolatini, il parlamento italiano ha dato il riconoscimento di minoranza linguistica alla comunità abitante sul territorio dei comuni interessati; in Italia sono due le comunità ellofone, la Grecìa Salentina e la Bovesia in Calabria, nel reggino.

Il Castello de’ Monti è stato definito “il più bel monumento militare cinquecentesco in terra d’Otranto”, si trova a Corigliano d’Otranto e la sua prima costruzione è medievale, fu poi però integralmente ristrutturato nel ‘500. È circondato da un fossato ed ha pianta quadrangolare; ad ogni angolo si trova un torrione circolare e su di ogni torrione vi sono dei bassorilievi allegorici dedicati a San Michele Arcangelo, Sant’Antonio Abate, San Giorgio e San Giovanni Battista, ognuno di questi santi protegge il torrione assegnatogli. La facciata risale al 1667, la nuova facciata venne addossata alla preesistente per renderla più elegante e meno austera. Attualmente il castello ospita il Museo Multimediale della Grecìa Salentina dove è possibile ascoltare e visionare documenti sulle antiche tradizioni di questa terra.

A Soleto, piccolo centro di origine messapica, sorge la Chiesa di Maria Santissima Assunta, costruita nel 1783. L’attuale chiesa sorge su di una preesistente struttura medievale; la Guglia Orsara risale all’epoca della prima costruzione, questa con i suoi 45 metri è attualmente il simbolo del paese e monumento nazionale. La sua costruzione fu considerata un atto di imposizione delle forme latine all’interno di una comunità interamente greca. L’interno della chiesa è a tre navate divise da quattro campate, lungo le navate laterali vi sono numerosi altari, il fonte battesimale è quello appartenente al primo nucleo della chiesa.

Tra le numerose sagre che animano le serate e le notti salentine, molto conosciuta e considerata la mamma di tutte le sagre locali è la “Festa te lu Mieru” (la “festa del vino” nel dialetto locale), che segna anche la fine dell’estate, questa si svolge da oltre 40 anni a Carpignano Salentino.

La manifestazione più importante dell’estate salentina si svolge proprio all’interno della Grecìa, una manifestazione che acquisisce sempre più un respiro internazionale e che attira annualmente circa centomila visitatori in un comune di poco più di 2000 abitanti, è la ormai celebre Notte della Taranta. La Notta della Taranta in realtà è un festival itinerante che ha come culmine il concerto di Melpignano, l’intento è quello di valorizzare la musica salentina contaminandola con altri linguaggi musicali. Sul palco del “concertone” si alternano numerosi musicisti di fama nazionale ed internazionale.

Cosa vedere

Festa te lu mieru (Carpignano Salentino)
Festival della Taranta (a Melpignano)
Castello de’ Monti (a Corigliano d’Otranto)
Museo Multimediale della Grecìa Salentina (a Corigliano d’Otranto)
Chiesa di S.Maria Assunta (a Soleto)

Come arrivare

Auto

Da 15 a 29 km a sud di Lecce lungo la SS16

Linee urbane

Collegamenti diretti con Lecce (Stplecce, Ferrovie del Sud Est, SalentoinBus nel periodo estivo)




Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia