cerignola
I Dauni meridionali e il Basso Tavoliere

Home » Cosa vedere » I Dauni meridionali e il Basso Tavoliere » Cerignola ed il suo splendido Duomo dalle forme gotiche

Cerignola ed il suo splendido Duomo dalle forme gotiche

cerignola

Il Duomo di Cerignola somiglia a quello di Firenze con i suoi ottanta metri di cupola. Menzione speciale anche per la coltivazione in questo territorio della grossa e polposa Oliva Bella della Daunia.

La storia della città di Cerignola ha origini antiche, molto probabilmente fu municipio romano, anche se il primo documento che la menziona risale al 1150. Purtroppo il Terremoto del 1731 distrusse quasi completamente il centro medievale.

Il Duomo, costruito nell’omonima piazza è una delle chiese più grandi dell’Italia meridionale, è dedicato a San Pietro Apostolo ma è conosciuto anche come Duomo Tonti, dal nome del benefattore che donò i suoi averi per la costruzione dell’edificio.  Dalle forme gotiche il Duomo è stato costruito a cavallo di ‘800 e ‘900, in tufo e pietra di Trani, l’interno è a croce latina a tre navate. Nel Duomo per 6 mesi l’anno è esposta la tavola della Madonna di Ripalta, protettrice della città, risalente al XIII secolo; la tavola fu ritrovata in un antro su di un’alta ripa a picco sul fiume Ofanto, il resto dell’anno l’effige è esposta nel santuario costruito sul luogo del ritrovamento.

Dal Duomo, proseguendo su corso Garibaldi, si giunge al settecentesco palazzo Coccia-Cirillo, con richiami sia al rococò che al neoclassicismo; poco dopo si giunge al Teatro Mercadante costruito nella seconda metà dell’800, questo è il maggior teatro cittadino.

A sud dell’abitato si trova il Piano delle fosse del grano, con oltre 600 fosse granarie. Le fosse rappresentavano un metodo di conservazione molto utilizzato nella Daunia, quello di Cerignola però è l’unico ancora esistente. Il primo documento che fa riferimento a questo luogo risale al 1225. Affacciato sul piano, all’interno dell’ex Palazzo dell’Opera Pia Monte Fornari, è stato allestito il Museo del Grano, qui un percorso ben studiato accompagna il visitatore lungo le fasi di lavorazione della filiera del grano nel ‘900. Oltre a strumenti del recente passato, sono esposte nel museo anche due grandi macine risalenti all’epoca romana.

Cerignola ha dato i natali ha due personaggi importanti per la cultura e lo sviluppo sociale dell’Italia: il filoso e redattore del famoso dizionario Nicola Zingarelli ed il sindacalista e politico Giuseppe Di Vittorio.

Cosa vedere a Cerignola

Duomo
Palazzo Coccia-Cirillo
Teatro Mercadante
Piano delle fosse del grano
Museo del Grano

Come arrivare a Cerignola

Auto

39 km a sud-est di Foggia lungo la SS16

Treno

Collegamenti diretti con Foggia (fino a Cerignola Campagna)

Linee urbane

Collegamenti con Foggia (Ferrovie del Gargano, Marozzi, SAPS, Stp)




Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia