castellaneta
Le Gravine

Home » Cosa vedere » Le Gravine » Castellaneta. La gravina con pareti rossastre, caverne e vegetazione spontanea

Castellaneta. La gravina con pareti rossastre, caverne e vegetazione spontanea

Le pareti rossastre solcate da caverne e ricoperte di vegetazione spontanea caratterizzano la maestosa gravina di Castellaneta. Dal 2005 la Gravina Grande fa parte del Parco regionale Terra delle Gravine.

Il monumento chiesastico più importante di Castellaneta è senza dubbio la Cattedrale di S. Nicola, fondata nel XIII secolo. La Cattedrale ha avuto numerose riedificazioni e ristrutturazioni, di cui l’ultima nel ‘700, che le ha dato l’attuale aspetto. La facciata è in stile barocco, mentre il campanile ha mantenuto le forme romaniche, esso risale infatti al ‘300. L’interno è a tre navate, molto bello è il soffitto a cornici con numerose tele; lungo le navate laterali sono disposte otto cappelle, tra le quali le più ricche sono quella della Santissima Trinità e quella di S. Nicola.

Tra gli abitanti di Castellaneta c’è stata anche una star hollywoodiana, nacque qui e visse i suoi primi anni, l’attore Rodolfo Valentino, al quale è stato anche dedicato un monumento. Vi è inoltre il Museo Rodolfo Valentino, all’interno del quale sono conservate ed esposte le locandine dei film dall’attore interpretati, alcuni oggetti tra i quali il letto dell’attore e la ricostruzione di alcuni set.

 Nel territorio di Castellaneta vi sono numerose gravine e lungo le pareti di queste vi sono numerosi insediamenti rupestri. La più conosciuta è la Gravina Grande che circonda per tre quarti l’abitato cittadino, è una delle più spettacolari dell’intera regione ed è profonda nel suo punto massimo ben 145 metri; la larghezza in alcuni punti raggiunge i 300 metri.Numerosi sono gli insediamenti rupestri lungo le sue pareti. All’interno della gravina del Coriglione vi è l’insediamento rupestre di Santa Maria di Costantinopoli e la relativa chiesa. La chiesa è  divisa in tre navate con pilastri di tufo; lungo la navata destra vi sono quattro nicchie con i resti degli affreschi che le addobbavano. All’interno della Gravina di Santo Stefano oltre ad un grande villaggio rupestre, si trovano le cripte di Santo Stefano e San Michele Arcangelo, entrambe affrescate, e con graffiti raffiguranti animali.

A seguito delle bonifiche effettuate durante gli anni ’60 del secolo scorso è stata creata una frazione denominata Castellaneta Marina, questa si trova immersa all’interno di Bosco Pineto. Le spiagge di Castellaneta Marina sono tutte di sabbia fine ed il mare ha fondali poco profondi, ideali per famiglie con bambini.

Cosa vedere a Castellaneta

Cattedrale di S.Nicola
Museo Rodolfo Valentino
Gravina Grande
Gravina di Coriglione
Gravina di S.Stefano
Cripte di S.Stefano e S.Michele Arcangelo
Marina
Bosco Pineto

Come arrivare a Castellaneta

Auto

40 km a nord di Taranto lungo le E90 e SS7

Treno

Collegamenti diretti con Taranto, stazione di Palagiano-Mottola

Linee urbane

Collegamenti diretti con Taranto (CTP)




Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia