acquaviva delle fonti
Le terre a sud di Bari

Home » Cosa vedere » Le terre a sud di Bari » Acquaviva delle Fonti e la falda acquifera sotterranea

Acquaviva delle Fonti e la falda acquifera sotterranea

acquaviva-delle-fonti

Acquaviva delle Fonti deve il suo nome ad una grande falda acquifera sotterranea. Le sue origini risalgono al VII secolo a.C., delle quali resta tutt’ora testimonianza all’interno del sito archeologico di Salentino. Il primo nucleo abitativo della città di Acquaviva sorgeva a pochi chilometri dall’attuale centro abitato, i primi abitanti probabilmente si spostarono più a valle proprio per la presenza di acqua sorgente e terra più fertile.
Ulteriori e precedenti testimonianze di vita sono state ritrovate all’interno della grotta Curtomartino; con i primi scavi effettuati durante gli anni 60 del secolo scorso la grotta ha restituito manufatti in pietra risalenti al paleolitico superiore.

Durante l’epoca normanna, nel XII secolo Acquaviva fu dotata di un castello poi successivamente inglobato nell’attuale Palazzo De Mari che attualmente è la sede del municipio. In stile barocco, risalente alla fine del trecento, mantiene ancora riconoscibile la planimetria a quadrilatero con torri angolari collegate dalle mura di cinta. Al suo interno è possibile visitare la mostra archeologica permanente dove sono esposti i reperti provenienti dal sito di Salentino.

La cattedrale, intitolata a Sant’Eustachio, protettore della città di Acquaviva delle fonti, è una delle quattro chiese palatine pugliesi è, inoltre, uno dei rari esempi di architettura rinascimentale presenti in regione.

A pochi chilometri dal centro abitato si trova l’oasi WWF Gioacchino Carone, un’area boschiva di 2,5 ettari ricca di avifauna, spicca tra gli altri, la presenza del falco grillaio.

Sul territorio vengono coltivati ben due presidi slow food, la famosa “cipolla di Acquaviva” ed il “cece nero della murgia carsica”. Assolutamente da assaggiare il calzone di cipolle, una focaccia ripiena a base di cipolle, ricotta forte e formaggio. Da oltre quarant’anni ad ottobre viene organizzata la Sagra del calzone, una manifestazione molto partecipata dove è possibile assaporare oltre al calzone anche molte altre delizie murgiane.

Cosa vedere ad Acquaviva delle Fonti

Cattedrale
Palazzo De Mari
Mostra archeologica permanente
Oasi WWF Gioacchino Carone

Come arrivare ad Acquaviva delle Fonti

Auto

32 km a sud di Bari lungo la A14

Treno

Collegamenti diretti con Bari

Linee urbane

Collegamenti con Bari (Ferrovie del Sud Est, Sitasud)




Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia