puglia
News Brindisi

Home » Puglia Notizie » News Brindisi » “Otto marzo un c…”: a Mesagne la festa della donna diventa provocazione

“Otto marzo un c…”: a Mesagne la festa della donna diventa provocazione

“Otto marzo un c… Rispettami tutti i giorni”. Così la titolare di un negozio di abbigliamento di Mesagne, provincia di Brindisi, ha celebrato la festa della donna: un cartello provocatorio, ritraente il volto tumefatto di una ragazza vittima di violenza, è stato esposto in vetrina. A Brindisi, invece, nei pressi del tribunale, un parcheggiatore abusivo ha portato un cesto di mimose per regalarne una ad ogni donna di passaggio, per lo più avvocatesse. Francesco, che da anni si occupa di smistare il traffico di auto in cambio di qualche spicciolo ed è molto benvoluto dai frequentatori abituali del tribunale, ha infatti donato un fascio di mimose, con tanto di confezione in carta argentata e fiocco rosso, a tutte le professioniste di sesso femminile che ha incontrato nell’area di parcheggio.

A Brindisi un parcheggiatore abusivo regala rose alle donne di passaggio

La giornata è stata anche occasione per snocciolare dati forniti dai CAV (Centri Anti Violenza) regionali: “In Puglia nel 2016 – ha continuato Emiliano – sono 21 i CAV (i centri anti violenza) in possesso dei requisiti previsti dalla normative nazionale e regionale, con una rete attiva in 36 ambiti territoriali (su 45). Questo dato fa della Puglia la prima regione italiana per copertura di ambiti mentre il numero dei CAV la colloca tra le regioni italiane più virtuose, insieme con Emilia Romagna (14), Lombardia (21), Piemonte e Toscana (20). Ma la nostra sfida naturalmente va oltre, vogliamo avere una copertura al 100 per cento degli ambiti territoriali affinchè tutte le donne pugliesi abbiano un luogo dove poter essere ascoltate ed aiutate a diradare il buio che a volte copre questi eventi di violenza”. Il Presidente Emiliano, dopo aver sottolineato come la Regione Puglia “stia investendo moltissimo e da anni su questo tema”, ha invitato tutte le donne pugliesi, vittime di violenza, spesso domestica, “a frequentare i centri anti violenza ma soprattutto a non avere timore di parlare, anche male, del proprio partner perché prima si interviene e meglio è”.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia